CYBERSECURITY: IL PROBLEMA È MICROSOFT

 

CYBERSECURITY: IL LATO OSCURO È MICROSOFT
Molti avvocati, anche qualcuno che presiede alle conferenze sulla sicurezza dei dati e sulla sicurezza informatica, sono stati gabbati con lo stupido trucco del cosiddetto “ramsonware”, “Wannacry” e altre fesserie del genere. Questo significa che i vostri avvocati si sono fatti fottere i vostri dati personali e le vostre informazioni più sensibili, e solo perché montano sui loro computer prodotti Microsoft/Windows, programmi talmente instabili, complicati e difettosi, che paiono concepiti dalla mano direttrice di Satana. Microsoft sta alla pazzia come la Tv sta alla stupidità umana. L’equazione riflette due tragici paradossi del nostro tempo:

1) Nonostante in Tv si dicano solo scemenze, miliardi d’idioti, magari anche senza tetto ma non senza Tv, continuano a sentire le loro idiozie.

2) Nonostante Microsoft non abbia mai funzionato, miliardi d’idioti continuano ad usare i suoi degenerati sistemi montati sui loro computer.

Naturalmente i giornalisti della Tv ogni tanto s’interessano al tema della sicurezza informatica e allora si raggiunge il parossismo della stupidità e delle scempiaggini che vengono proferite sul tema, che è delicato ma non è così complesso come vogliono far credere i finti geni intervistati dai giornalisti.

LA SOLUZIONE DI BASE
Risparmiamo tempo, saltiamo le polemiche sulla stupidità di stampa e Tv, sulle meccaniche monopolistiche che consentono queste ingiustizie tecnologiche, e passiamo alla prima semplicissima tecnica per iniziare a lavorare in condizioni di sicurezza possibile:

rinunciare per sempre a Satana, e cioè rinunciare totalmente e per sempre a Microsoft. I programmi Microsoft contribuiranno sempre a compromettere il vostro lavoro, qualunque sia la piattaforma che usate, quale che sia il criterio di “virtualizzazione” che usate, quindi vanno estirpati, tutti, per sempre, è un viaggio senza ritorno.

La buona notizia è che, per fare ciò, non bisogna spendere niente e si possono usare anche computer molto vecchi, quindi si risparmia, anziché spendere di più.

ELIMINARE TOTALMENTE E PER SEMPRE MICROSOFT, GUIDA per PRINCIPIANTI

Se vuoi rinunciare a Microsoft, perché hai capito che è una trappola mortale, ma non sai come si fa, non chiamare il tecnico. Se il tecnico fosse stato onesto ti avrebbe detto subito la verità su Microsoft anziché succhiarti denaro per le finte-riparazioni che ti ha fatto.

Ciò che devi fare è semplicissimo:

A) ti prendi una o due settimane di tempo e ti leggi con calma le pagine fondamentali del professor Cantaro, MA solo quelle che servono per imparare ad installare UBUNTU usando il BIOS, con un DVD e poi con la penna USB.

http://www.istitutomajorana.it/index.php?option=com_content&task=view&id=2294&Itemid=33

Il professor Cantaro ha solo due difetti gravi:

1) non ha ancora rinunciato completamente a Windows, anche se ha individuato 27 motivi per farlo;

(Quindi egli ammette, e spiega come fare, anche la coesistenza di Windows con altri sistemi operativi, sullo stesso computer; invece Windows deve essere annientato completamente, se si vuole lavorare in sicurezza (quantomeno basica) e con efficienza);

2) è convinto che UBUNTU sia software libero ma non lo è.

Perciò, questa settimana ti serve solo per imparare a installare UBUNTU e basta, non per imparare ad usare entrambi UBUNTU e Windows sulla stessa macchina, quella parte di lezione la devi saltare, altrimenti non farai mai nessun progresso.

Fai tutte le prove che vuoi, non ti preoccupare, senza Microsoft la macchina non si rompe. Una volta imparato a installare e a usare UBUNTU, o XUBUNTU, che è anche meglio, rinunci anche a questi sistemi e scegli un’altra distribuzione GNU/linux, di solo software libero.

(Io li ho provati tutti, quelli proposti da:
https://www.gnu.org/distros/free-distros.html
e a me pare che l’unica soluzione che funziona senza problemi, e sia adattabile su diverse macchine, sia Trisquel. Se sai usare UBUNTU, sai usare anche Trisquel).

B) Se non hai voglia di farlo tu, ti fai installare, da un amico cha ha già rinunciato a Satana, una distribuzione GNU/linux, che per cominciare sarà: UBUNTU o, meglio ancora, XUBUNTU.

La versione 12.04, è vecchia ma va meglio di quelle recenti, e inizi subito a lavorarci; è facilissimo.

In ogni caso, sul sito del prof. Cantaro ci sono anche dei video-guida che ti spiegano come installarlo e come fare i primi passi per usarlo.

C) Se non hai amici che hanno rinunciato a Satana, cerca in rete la comunità linux più vicina a dove sei tu. Raccomandazione fondamentale: dì a chi ti fa l’installazione di rimuovere per sempre ogni programma Microsoft (il “dual boot” con Microsoft è un’infamia che non ha senso e il fatto che sia possibile farlo sul Mac dimostra quanto la prostituzione possa avere una funzione nobile anche in ambienti Apple).

D) Altrimenti, in ultimissimo subordine, se proprio non hai voglia di fare nulla di ciò che è suggerito qui sopra, paghi una cifra esagerata, rinunci a tutte le tue libertà, e ti compri un Mac.

(L’ultima vergogna del Machintosh, che monta sistemi basati su Unix, come GNU/linux, è consentire il “dual-boot” con Microsoft e di non consentirlo, o cercare di non consentirlo, con GNU/linux. Provando ad installarne una distribuzione su un Mac del 2015, la macchina ha mandato in vacca il disco rigido – solo quello costa un terzo del costo del computer – e credo bene che sia un volgare meccanismo restrittivo e/o protezionistico. Apple, come Google e Facebook, ti spia, t’inibisce e ti froda anche più di Microsoft, ma almeno ti NOLEGGIA tecnologia che funziona, fino a che non ti azzardi a tentare delle modifiche sui programmi installati. Oltre a questi tragici inconvenienti, Apple rimane la macchina che costa di più, per i più indolenti, o per quelli che lavorano con la grafica. Comunque funziona, a differenza di Microsoft. Insomma, se proprio devi essere cornuto, cerca almeno di essere un cornuto efficiente).

Annunci

Pubblicato da economia, finanza e fisco

Come si gestisce l'impresa che sopravviva nel nostro sistema economico-giuridico? Cos'è il sistema economico e come funziona? Come funziona l'impianto giuridico-economico in Italia, in Europa e nel resto del mondo? Cosa studiano e a cosa servono gli economisti? Cosa studiano e a che servono gli insegnanti di economia politica? Come si controllano il sistema economico, i processi di produzione e consumo, di tutte le categorie di aziende? Come continuare ad ignorare il problema monetario, e il problema dell'alienazione del monopolio della sovranità monetaria, nonostante il tema sia stato oramai ampiamente descritto, spiegato, e le spiegazioni distribuite?

Unisciti alla discussione

3 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: