IL COMPLOTTO COMUNISTA

 

IL COMPLOTTO COMUNISTA
Abbiamo visto alcuni esempi di come le élite al potere fabbricano situazioni di crisi per determinare stati di emergenza e giustificare atti reazionari, divisioni e tensioni, guerre, oscillazioni di prezzi, embarghi, aumenti di spese militare, austerità, oppressione fiscale, espropriazioni dirette e indirette, e altre manovre simili. Le emergenze, le crisi e le guerre, sono fabbricate e gestite in modo tale che durino nel tempo, perché la loro maggior durata consente maggiore distruzione di ricchezze materiali (che altrimenti andrebbero distribuite e contribuirebbero a migliorare le condizioni di vita delle collettività), produce maggiori profitti per le banche centrali e l’industria bellica, e tiene più a lungo occupate in attività inutili le menti ottenebrate dei cittadini oppressi e dei loro governanti. Un esempio storico di fabbricazione di uno stato di crisi internazionale di lungo periodo è la grande truffa internazionale del comunismo. Il comunismo è un impianto ideologico completamente fabbricato, prodotto e diffuso con il preciso, esplicito, scopo di creare il caos necessario a giustificare tutta una lunghissima serie d’interventi politici, militari e paramilitari su scala planetaria. Le conseguenze pratiche immediate delle prime rivoluzioni comuniste sono:
1)l’eliminazione fisica dei sovrani di alcune nazioni, le cui famiglie sono sterminate;
2) l’eliminazione fisica di una buona parte di possidenti delle classi medie;
3) l’espropriazione diretta di tutte le ricchezze materiali, tenute da imprese e privati, e il loro passaggio di proprietà che va agli amministratori degli apparati statali;
4) l’installazione forzata delle banche centrali (di cui zar e imperatori non hanno alcun bisogno).

CAPITALI, PROPAGANDA ED ARTE DEL DEPISTAGGIO
Ricalcando certe costruzioni ideologiche che possono essere cavate dalla Repubblica di Platone (427-347), dall’atteggiamento progressista del presidente americano Hoover (quando diceva: “il socialismo è precursore del comunismo”), da Utopia, scritto da un uomo di stato britannico della levatura di Thomas More (1478-1535), o da molti altri pensatori delle opere di bene (vedi Tommaso d’Aquino) gli ideologi comunisti hanno seguito il progetto di confusione che ha determinato i genocidi di una metà del mondo e tenuto sotto la minaccia perpetua di guerra l’altra metà.
       
PLATONE
In Platone si trova la visione di una società in cui l’istituzione del matrimonio verrebbe eliminata, tutte le donne apparterrebbero a tutti gli uomini e tutti gli uomini a tutte le donne. Le donne sarebbero divenute uguali agli uomini, lavorando nella stessa cava o combattendo nella stessa buca. Tutti i bambini verrebbero allevati dallo Stato. In questo schema, 3 sono i livelli di distinzione sociale: la classe dirigente, la classe militare e la classe dei lavoratori. la proprietà privata verrebbe eliminata e gli intellettuali avrebbero l’incarico di stabilire cosa sia meglio per la classe dominata.

BABEUF
Francois Emile Babeuf (1760-97)
Insediamenti di comunità che sperimentano l’impianto ideologico comunista si hanno negli Stati Uniti d’America, fin dai tempi dei primi coloni; fra i tanti, va ricordato il tentativo di Francois Emile

Babeuf (1760-97), detto Gracchus, appartenente alla loggia massonica degli illuminati, coordinatore delle attività di circa 2000 membri, che scrive:
“..nel mio sistema di libertà comune, io desidero che non esista alcuna proprietà individuale; la terra appartiene a dio e i suoi frutti appartengono agli uomini in generale”.

Nel 1976 Babeuf scrive il suo “Manifesto degli Eguali” che viene pubblicato con il titolo di: “Analisi della dottrina di Babeuf” in cui si legge:

“Niente più proprietà privata della terra; la terra non appartiene a nessuno; i frutti della terra appartengono a tutti…spariscano, finalmente, rivoltanti distinzioni fra ricchi e poveri, fra grandi e miseri, fra padroni e servitori, fra governanti e governati. Che non ci siano più distinzioni fra gli uomini se non per età e per sesso. Dato che tutti hanno gli stessi bisogni e le stesse facoltà, che sia unico l’indirizzo scolastico e che tutti mangino lo stesso cibo. Essi si contentano di sole e aria per tutti; perché la stessa porzione e la stessa qualità di cibo non dovrebbe bastare anche per loro..”

Secondo il suo piano, i lavoratori non devono essere pagati in denaro, la proprietà di beni personali è abolita; il pagamento avviene con la distribuzione dei prodotti che vengono stoccati in magazzini comuni ed equamente distribuiti. Un altro aspetto importante della sua visione è che ai bambini non è dato di portare il nome dei genitori, a meno che non si tratti di genitori veramente speciali. Naturalmente questo è solo un piano e da esso è tenuto all’oscuro il villano, che non lo avrebbe affatto preso sul serio. La propaganda accessibile all’esterno è tutta basata sul principio generale di “uguaglianza fra uomini” e “giustizia per tutti” e sulla critica generica all’avidità dei governanti. I lavoratori della comunità non sapranno mai i dettagli della dottrina di Babeuf e non c’è il tempo di metterli in pratica.

DELL’ARRESTO DI BABEUF
Nel 1796 Babeuf e 45 dirigenti del suo movimento vengono arrestati; Babeuf viene impiccato e gli altri deportati a causa dei loro preparativi per sovvertire il governo in carica. Il processo dura da febbraio a maggio del 1797 e Babeuf confessa di essere semplicemente un “agente” di questo complotto sovversivo e di aver ricevuto l’incarico da altri soggetti (illuminati, ordine massonico fondato formalmente nel 1776) che lo hanno onorato mettendolo a capo di questo servizio di reclutamento al progetto d’impianto ideologico. C’è poca differenza fra il bolscevismo e il babouvismo. La terza internazionale di Mosca del 1919, nel suo primo manifesto, dichiara la propria discendenza da Babeuf.

DELLA SOVVERSIONE DEI BANCHIERI
Il 1 maggio del 1776, sotto la direzione della casa dei Rothschild, e degli altri banchieri che in precedenza hanno istigato la rivoluzione americana (anche) per indebolire la corona di Gran Bretagna,Weishaupt fonda l’ordine degli antichi veggenti illuminati di Bavaria, che diventa poi noto come l’ordine degli “illuminati” (i nomi degli altri banchieri sono tutti indicati nel capitolo primo del saggio di Rivera).

ILLUMINATI, LUCE, LUCIFERO
Weishaupt afferma che il nome “illuminati” deriva dagli insegnamenti di Lucifero. Le favole religiose vogliono che Satana, al tempo in cui è ancora un angelo, sia conosciuto come Lucifero, il “portatore di luce”.

DELLA FESTA DEL 1 MAGGIO
La festa del 1 maggio viene celebrata ogni anno, da allora, soprattutto nelle nazioni comuniste, in cui il primo maggio viene detto “May Day”, ma non ha niente a che fare con i lavoratori; il primo di maggio è anche conosciuto come il giorno speciale delle streghe. Prima di quella data, molti altri gruppi con nomi simili si sono formati nei secoli, tutti con finalità di propaganda più o meno religiosa, occultista, esoterica e satanista; molti sono alla base dei moti rivoluzionari che hanno insanguinato l’Europa e le Americhe negli ultimi secoli. Per esempio, gli illuminati spagnoli, “alumbrados”, si sono formati con l’aggregazione di francescani riformati e gesuiti.

IL GRUPPO DI BASE
Il gruppo di base è fondato da Weishaupt nel 1776 e diventa pienamente operativo nel 1778. La sede è a Monaco, in Germania, ed è conosciuta come la Grande Loggia degli Illuminati o Loggia del Grand’Oriente, con il nome in codice di Atene. Scrive Weishaupt:

“La forza maggiore del nostro ordine consiste nell’occultamento. Che non appaia mai in nessun luogo con il proprio nome, che sia sempre sotto la copertura di un nome diverso e di un’attività diversa”..”L’ordine vuole essere segreto, lavorare in silenzio; in questo modo sarà preservato dall’oppressione dei poteri sovrani….i gesuiti devono essere evitati come una piaga, nessun gesuita deve essere ammesso al nostro ordine salvo che abbia un permesso speciale….come può il debole trovare protezione? Con l’unità; ma è cosa rara e può essere ottenuta con le società segrete. Scuole nascoste di pensiero e di sapere sono i mezzi con i quali libereremo gli uomini dai loro vincoli”.

Nel libro: “World Revolution“, di Nesta Webster, si legge:

“l’arte praticata dagli illuminati consiste nell’arruolare babbei ed esperti, nell’incoraggiare i sogni di visionari onesti, o gli schemi di fanatici, lusingando la vanità di egotisti ambiziosi, lavorando su menti non equilibrate, giocando su certe passioni come la vanità e la sete di potere, mettendo assieme persone con aspirazioni diverse a servire gli scopi segreti della setta”.

Amschel Mayer Rothschild (1773-1885)
Mayer Rothschild fonda banche in Inghilterra, in Francia e in Germania. I suoi figli, che sono fatti baroni dell’impero d’Austria, continuano la sua espansione.

Amschel Mayer Rothschild (1773-1885) – al quale è attribuita la frase: “fai che io emetta e controlli la moneta di una nazione, e non importa chi ne fa le leggi” – dirige la banca di Francoforte, che è conosciuta come M.A. Rothschild & Sons.

Salomon Mayer Rothschild (1774-1855) è a capo della banca di Vienna.

Nathan Mayer Rothschild (1777-1836) – a cui è attribuita l’altra famosa frase: “non mi importa quale pupo sia messo al trono in Inghilterra a governare l’impero sul quale il sole non tramonta mai. L’uomo che controlla il sistema monetario controlla di fatto l’impero britannico; e io controllo il sistema monetario britannico“) – è a capo della banca di Londra dal 1809.

Karl Mayer Rothschild (1788-1868) dirige e possiede la Banca di Napoli, chiusa nel 1861.

James Mayer Rothschild (1792-1868) è a capo della banca di Parigi.

DEL CAPITALISMO MODERNO E DEL MIGLIO QUADRATO
Questo è solo l’inizio dell’espansione della casa dei Rothschild, che controlla una fortuna stimata a quel tempo in 300 milioni di dollari. Dal 1820 in poi, secondo Werner Sombart, che scrive “The jews and Modern Capitalism“, si ha “l’era dei Rothschild”; nel 1913 la fortuna della famiglia viene stimata attorno ai due miliardi di dollari. Abbiamo prove e documenti sul fatto che questa casa ha finanziato tutte le fazioni avversarie di tutte le guerre, dalla prima rivoluzione americana in poi; durante le guerre napoleoniche, la casa finanzia Napoleone da una parte e i governi di Germania, Gran Bretagna e di altre nazioni dall’altra. Opera in un’area del cuore londinese chiamata “The City“, o anche “the Square Mile“; tutte le maggiori banche inglesi hanno la loro sede in quell’area, assieme ad altre 70 filiali di banche statunitensi e 315 filiali di altre banche offshore. Nella stessa area troviamo la Banca d’Inghilterra, la borsa valori, i Lloyd di Londra, la borsa merci, il Baltic Exchange, il London Metal Exchange. Quel miglio quadrato è il fulcro della finanza mondiale. Ci sono pochi dubbi sul fatto che la casa influenzi l’economia del pianeta ed è dietro, ad angolo retto, l’unione economica e politica europea.

Annunci

Pubblicato da economia, finanza e fisco

Come si gestisce l'impresa che sopravviva nel nostro sistema economico-giuridico? Cos'è il sistema economico e come funziona? Come funziona l'impianto giuridico-economico in Italia, in Europa e nel resto del mondo? Cosa studiano e a cosa servono gli economisti? Cosa studiano e a che servono gli insegnanti di economia politica? Come si controllano il sistema economico, i processi di produzione e consumo, di tutte le categorie di aziende? Come continuare ad ignorare il problema monetario, e il problema dell'alienazione del monopolio della sovranità monetaria, nonostante il tema sia stato oramai ampiamente descritto, spiegato, e le spiegazioni distribuite?

Unisciti alla discussione

1 commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...