Degli errori di Stefano Montanari

 

Stefano Montanari truffato per incuria nella sicurezza delle comunicazioni.
Montanari è stato intimidito e il suo loculo violato, almeno per la terza volta. Inutile che stiamo a discutere sull’abuso in sé, perché se stiamo un po’ attenti vediamo abusi ogni giorno, in tutta Italia, in tutta Europa e anche in un centinaio di altre nazioni del mondo. Cerchiamo per intanto di non ripetere gli errori di Montanari, perlomeno, vediamo di cavare, da quest’ennesimo scandaloso episodio, l’ammaestramento che serve per evitare gli errori, anche quelli degli altri. Montanari qui infrange almeno 2 regole fondamentali e dovrebbe imparare da questo anche lui, che si considera un intransigente-resistente puro.

PRIMO ERRORE:

– “ci hanno portato via tutto, non posso andare a Ginevra..”

Dimenticare di fare i “BACK-UP” e di tenerli su supporti affidabili in un luogo fisico diverso da quello dove si lavora è un errore irripetibile, dopo che ti hanno soffiato il microscopio elettronico e sono venuti i carabinieri, precisamente mandati per metterti paura.

Il lavoro che si fa con la tecnologia informatica deve essere salvato e deve essere salvato in un luogo fisico diverso, alieno, rispetto a quello abituale. Se si tiene il “BACK UP” su supporti che poi sono lasciati nello stesso posto in cui si lavora, magari vicino al computer, altrimenti è come se il lavoro non fosse salvato. Succedono molti incidenti, incendi, allagamenti, furti, perquisizioni illegali, atti di molti medici cretini, che sbagliano a schiacciare un bottone e cancellano le foto fatte nel mio stomaco con la tediosissima e schifosissima sonda, con la quale preferisco non dire cosa han fatto prima. Oltre a ciò, siccome gli sventurati usano tutti Microsoft Windows, il rischio di perdere tutto il lavoro senza ragione è dietro l’angolo ogni giorno. Quindi bisogna fare i “BACK-UP” e portarli in luoghi non abitualmente frequentati. In caso di furto o sequestro illegittimo, che è la stessa cosa, del computer e degli altri supporti, tu hai lasciato il tuo “BACK UP” in un luogo sicuro, dall’amante, dalla suocera, dall’amico, al bar sotto casa, e in mille altri posti diversi dai tuoi, e non fai il pusillanime che non può andare a Ginevra perché certi prepotenti analfabeti si sono portati via il suo computer, oltre al microscopio e agli altri supporti digitali.

Montanari dice: “oramai ce ne hanno fatte di tutte..” – bene, allora dovevi aspettarti questa e dovrai aspettarti anche la prossima, fai che non si ripeta una quarta volta, altrimenti è incuria o peggio. Dopo la truffa rovesciata del microscopio, dopo la prima intimidazione dei carabinieri, la sottrazione indebita del computer e dei supporti digiatli, speriamo Stefano e Antonietta imparino le regole elementari della sicurezza delle comunicazioni digitali.
(A disposizione per suggerimenti).

SECONDO ERRORE:
“I finanzieri non c’entrano nulla…” (poverini, aspetta che ti portino via i materassi e poi vedremo se continui a compatirli). Gli italiani devono sempre mostrarsi moderati, comprensivi, tolleranti, proprio quando si stanno portando via la loro roba e la loro donna. C’entrano eccome, sono gli esecutori materiali di questi delitti e dovrebbero rifiutarsi di obbedire ad ordini illegali. Tu dirai che non possono, e hai ragione. E però nota le combinazioni del paranoico:

1. la GdF viene coordinata dall’UIF, per certi suoi lavori di spionaggio industriale. L’UIF è un ufficio posto presso la banca centrale, nientemeno.

2. Sono 120 finanzieri quelli che vanno ad assaltare, mettere a soqquadro ed intimidire tutti i commercianti di Guardiagrele, quando Giacinto Auriti fa la prova, con grandissimo successo, del SIMEC.

3. Sono spie della GdF quelle che preparano le trappole per Berlusconi con la puttana giubilata e psicologicamente instabile (altro che minorenni) che poi andrà a testimoniare contro di lui (indirettamente contro di lui) al processo Tarantini, affiancata dalla psicologa e contenuta dal tribunale e dal PM. Sono sempre loro che interrogano assai bruscamente, intimidendo pure quelle al limite, le altre donnine allegre invitate alle feste di Berlusconi.

4. Sono i sottufficiali della GdF che ammorbano inutilmente i viaggiatori italiani negli aeroporti, ogni volta che rientrano dall’estero.

5. Dovrebbero finirci i finanzieri nelle barzellette e non i carabinieri.

Questi atti di violenza aperta sono un segnale chiaro, chiarissimo. E però siete ancora pronti a credere alle scemenze della Tv e ad accogliere l’ufficiale giudiziario, a lasciare chi si porti via la vostra roba, con la scusa che “non è colpa sua, che non c’entra niente e che deve eseguire ordini”? Non eseguono forse ordini gli assassini che lavorano per la cosiddetta “criminalità organizzata”? E però loro si beccano l’ergastolo, spesso senza aver fatto niente. Gli esecutori d’ordini in divisa, invece, “poverini non hanno colpa”? Chi ti porta via la roba? Chi ti toglie il 70% del reddito? Chi è il tuo vero nemico o lavora per i tuoi nemici?

 

Annunci

Pubblicato da economia, finanza e fisco

Come si gestisce l'impresa che sopravviva nel nostro sistema economico-giuridico? Cos'è il sistema economico e come funziona? Come funziona l'impianto giuridico-economico in Italia, in Europa e nel resto del mondo? Cosa studiano e a cosa servono gli economisti? Cosa studiano e a che servono gli insegnanti di economia politica? Come si controllano il sistema economico, i processi di produzione e consumo, di tutte le categorie di aziende? Come continuare ad ignorare il problema monetario, e il problema dell'alienazione del monopolio della sovranità monetaria, nonostante il tema sia stato oramai ampiamente descritto, spiegato, e le spiegazioni distribuite?

Unisciti alla discussione

1 commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...