Finto CoronaVirus & Freddie Mercury

Dell’avvelenamento di Freddie Mercury, R. Nureyev ed A. Ashe
Il trucco del terrore panico, indotto dalle malattie che insorgono grazie alle medicine cancerogene che provvedono all’abbattimento del sistema immunitario, non risparmia le celebrità della propaganda, le quali serve ammazzare per far praticare loro l’arte della propaganda anche durante la loro malattia e dopo che sono morti.

Il panico dell’industria dell’AIDS degli anni 1980 reclama anche la vita di Freddie Mercury. Terrorizzato dall’esito positivo della finta prova HIV, Mercury ascolta le cazzate del suo medico curante e si sottopone all’avvelenamento con l’AZT (1500 mg al giorno). Alla fine del trattamento appare al mondo come una mummia spogliata dalle bende, come quelle che si vedono a Torino, e crepa a Londra il 24 novembre del 1991, quando ha solo 45 anni.

Anche il ballerino russo Nureyev, nonostante sia sanissimo e sia considerato il ballerino d’opera più dotato del momento, al mondo, risulta positivo, forse, al finto test del HIV, si fa prendere dal panico ed inizia a farsi avvelenare con l’AZT alla fine degli anni 1980. Nureyev Muore a Parigi nel 1993, nello stesso anno in cui muore avvelenato dall’AZT anche il campione di Wimbledon Arthur Ashe, a 36 anni.

Dell’atleta che scampa al tentato omicidio Earvin “Magic” Johnson
Il risultato fintamente positivo del finto test del finto virus HIV, Earvin Johnson serve alla propaganda, per dimostrare che il virus può contaminare tutti, non solo i finocchi e i drogati, e si passa, questa è una delle tante bufale che ci siamo bevuti, come una malattia venerea, scopando, anche scopando in rapporti eterosessuali. E però Magic Johnson col cavolo che si fa avvelenare fino alla fine. In principio, David Ho, ruffiano in camice di Nuova York che detta regole sul trucco dell’AIDS, insiste sul fatto che il giocatore debba farsi avvelenare con l’AZT e Johnson obbedisce. Quando la sua salute, subito dopo, va alla malora, nessun ruffiano in camice associa il suo deterioramento al veleno dell’AZT. Nel 1995 Magic Johnson ammetterà di aver finto di continuare a prendere il veleno ma di essersi sottratto, senza farlo sapere ai suoi padroni, alla rete dei ruffiani delle agenzie di stampa e televisione (virus-mania, pag. 144), e smettendo di querelarsi per i tragici effetti collaterali dell’AZT, egli conduce poi la squadra di basket americana alle olimpiadi di Barcellona nel 1991. Ecco che un finto guarito, che ha smesso di prendere il veleno senza dirlo pubblicamente, fa credere al mondo di essere come guarito, magari proprio grazie al veleno, e continua a lavorare per i suoi avvelenatori, aiutandoli con la sua propaganda sportiva a vendere anche più veleni.

Dell’industria del Trucco dell’AIDS e del “Magic” Johnson
GlaxoSmithKline (GSK), per molti anni, userà il messaggio della finta guarigione di Johnson per molti anni, soprattutto con la propaganda diretta ai consumatori negri. L’immagine del robusto burattino negro che gioca con grande energia a pallacanestro, si stampa dappertutto, nelle metropolitane, sui muri dei centri urbani degradati, sui rotocalchi, sulle riviste sportive eccetera. “Per stare in salute”, ti raccontano i falsari delle fabbriche dei veleni, “bastano poche cose semplici: un atteggiamento positivo, la totale (immeritata) fiducia nel tuo medico curante, e ricordarsi di prendere le medicine cancerogene tutti i giorni”.

Dopo aver finito di fare la propaganda per GSK, il burattino negro fa un nuovo contratto con Abbott, per promuovere la vendita di un veleno concorrente per agevolare il decorso del trucco dell’AIDS, Keletra.

Magic è l’uomo del poster sieropositivo che fa il portavoce dei 2 fondamentali messaggi pubblicitari che servono a vendere più veleni cancerogeni:

a) il finto virus del trucco dell’AIDS si può prendere anche scopando le donne;

b) il veleno cancerogeno che caricano sul contribuente non t’impedisce di stare bene e di continuare a saltare da un canestro all’altro (se fai finta di prenderlo, come nella pubblicità fanno finta di prendere le cose che prendono, in generale).

Facendo pubblicità diretta, tuttavia, per conto dei suoi attentatori, è evidente che ha un conflitto d’interesse a dire che col cavolo si prende l’AZT, il Combivir di GSK, o Keletra di Abbott, perché non vuole fare la fine dei tre mentecatti di cui si parla di sopra. E poi “Johnson non ha mai ammesso di avvelenarsi con le droghe che pubblicizza” (David Ransick, “In October 2004, we approached the Magic Johnson Foundation to ask if the basketball player has taken any AIDS medications since the Olympic triumph in 1992, and, if so, for how long. But, as of today, we have not received a response.).

Pubblicato da economia, finanza e fisco

Come si gestisce l'impresa che sopravviva nel nostro sistema economico-giuridico? Cos'è il sistema economico e come funziona? Come funziona l'impianto giuridico-economico in Italia, in Europa e nel resto del mondo? Cosa studiano e a cosa servono gli economisti? Cosa studiano e a che servono gli insegnanti di economia politica? Come si controllano il sistema economico, i processi di produzione e consumo, di tutte le categorie di aziende? Come continuare ad ignorare il problema monetario, e il problema dell'alienazione del monopolio della sovranità monetaria, nonostante il tema sia stato oramai ampiamente descritto, spiegato, e le spiegazioni distribuite?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...